Trends Autunno Inverno 2015/2016 # 1. Senza maniche!

La prima a lanciare la moda del cappotto senza maniche è stata lei: Victoria Beckham.
Il più attuale ha le forme del cappotto classico, ma con le maniche tagliate a filo.
Più versatile e facile da portare di quello che si potrebbe pensare, può essere indossato sopra a un maglione tricot per proteggersi dal freddo, con la dolcevita oppure come abito sotto a un’ampia mantella o sopra una maglia con le maniche ricamate.
Va bene per tutti i fisici e tutte le età: è un tocco modaiolo che, avendo molte versioni, si adatta al vestire quotidiano di ognuna.

Il mio consiglio, soprattutto per le più freddolose come me è quello di non investire grosse cifre nell’acquisto di questo capo ma di optare per uno dei modelli low cost – guardate le proposte di Zara – oppure potete provare a farvelo da sole. Se avete un bel cappotto che ormai vi ha stufato o è passato di moda potete dargli un appeal più attuale togliendogli  le maniche e rifoderandolo con una seta fluo o fantasia. Per evitare danni irreparabili, se non siete così brave con ago e filo, rivolgetevi a una brava sarta!
Lo trasformerà.

 

Trends Autunno Inverno 201/2016 # 1. Senza maniche!
                                                         Christian Dior
Trends Autunno Inverno 201/2016 # 1. Senza maniche!
                                                            Iceberg
Trends Autunno Inverno 201/2016 # 1. Senza maniche!
                                                              MSGM
                                                                Rodarte

Trends Autunno Inverno 201/2016 # 1. Senza maniche!

Trends Autunno Inverno 201/2016 # 1. Senza maniche!

                                                                           Asos
Trends Autunno Inverno 201/2016 # 1. Senza maniche!
                                                                                      Tre modelli Zara
More from ChicChissima

Scouting. Nina Leuca

NinaLeuca NinaLeuca nasce da una terra, l’ultima che si può incontrare arrivando dal...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *